Quando parliamo di legno duro non ci riferiamo né a un termine tecnico né a una categoria. Si tratta di un “soprannome” che di solito viene usato per distinguere i “legni duri” dai “legni morbidi”. Naturalmente, i soprannomi hanno sempre un fondo di verità.

I legni duri sono più resistenti e più densi della maggior parte dei legni morbidi. La vera distinzione è però nel tipo di pianta o, più specificamente, nel tipo di specie da cui vengono ricavati i legnami.

Gli alberi del legno duro: i latifoglie

durezza del legno

La maggior parte dei legni duri si ricava da piante latifoglie che sono delle specie angiosperme, ovvero, i semi che provengono da esse sono contenuti dentro la cavità del frutto. I semi possono essere contenuti in molti involucri diversi, ad esempio, all’interno del frutto, come nei meli o ciliegi, o nel guscio duro, come nelle noci o nelle ghiande.

Un metodo facile, anche se meno accurato, per distinguere i legni duri dai legni morbidi è quello di osservare le foglie. I legni duri sono tipici degli alberi che perdono le foglie tra l’autunno e l’inverno mentre, il legno morbido si ottiene dalle conifere, sempreverdi che non perdono mai le foglie (gli aghi di pino sono un tipo di foglia, ma non tutti i sempreverdi hanno foglie aghiformi).

Cosa rende il legno duro?

La durezza del legno è generalmente attribuibile alla sua densità. Più le fibre del legno sono dense e strette, più il legno è duro. Le fibre di legno duro tendono ad essere molto compatte e tra loro vicine, e questo si traduce in una minore elasticità e compressione delle fibre.

Come misurare la durezza del legno

legno duro

La durezza del legno viene valutata con la prova di durezza Janka che misura la resistenza all’ammaccatura e all’usura di un tipo di legno. La misura consiste nel determinare la forza necessaria a far sì che una sfera di acciaio del diametro di 11,28 millimetri penetri, per metà del suo volume, all’interno del legno sotto esame. Un utilizzo comune di questo tipo di test è quello di determinare se una certa specie è adatta per essere impiegata nella pavimentazione.

La durezza del legno varia con la direzione delle venature. Quando il test viene effettuato perpendicolarmente alle venature si parla di “durezza laterale”. Quando il test viene effettuato in corrispondenza della superficie di taglio di un ceppo si parla di “durezza terminale”. Maggiore è la pressione necessaria, più duro è il legno.

Alcuni esempi di durezza di Janka: ciliegio è 950, quercia bianca è 1360, hickory è 1820 e Ipe è 3680. Il legno di balsa, che tecnicamente è un legno duro (dopo tutto, è un’angiosperma) ha un punteggio di soli 67.

Al confronto, guardando alcuni comuni legni di conifera, ci si rende conto che non sono molto più morbidi dei legni duri come il ciliegio: il pino giallo del Sud ha una durezza Janka di 870, e il cedro è 900.

Il legno duro è più resistente?

mobili in legno duro

Come indica la sfera d’acciaio del test di Janka, i legni più duri sono più resistenti alle ammaccature e alle scalfitture rispetto ai legni più morbidi. Questo è il motivo principale per cui i mobili, gli armadi e le finiture di pregio sono di solito realizzati in legno duro. Il legno duro semplicemente resiste meglio all’uso quotidiano.

Ma la durezza non è necessariamente correlata alla forza, almeno quando si tratta di resistenza “piegare senza rompere”. Infatti, la densità dei legni duri può renderli fragili e inclini alla rottura. La resistenza del legno è strettamente correlata alla porosità del legno e al modo in cui il legno viene tagliato (o spaccato) ed essiccato. I legni con pori piccoli e diffusi, come l’acero, sono meno elastici e resistenti rispetto ai legni con pori a “corona” più grandi, come il frassino.

Il legno essiccato all’aria tende ad essere più resistente del legno essiccato in forno perché quest’ultimo processo asciuga le fibre con il calore, rendendole più fragili. La divisione, o la lavorazione del legno lungo le sue venature naturali, è il modo migliore per preservare la resistenza del legno, mentre il taglio contrario alle venature, priva le fibre del legno di gran parte della loro forza di tenuta, indebolendo il legno.

Tipi comuni di legno duro

Il mercato del legname oggi ha assunto una caratteristica sempre più internazionale, infatti è possibile acquistare legname di piante di latifoglie importati da ogni parte del mondo. Non dimentichiamo che possiamo trovare molti legni duri anche di origini locali come per esempio il Castagno.

Alcune delle specie più comuni di legno duro includono:

  • Castagno
  • Melo (diverse varietà)
  • Quercia
  • Tiglio
  • Betulla
  • Ciliegio
  • Cipro
  • Olmo
  • Hickory
  • Acero (diverse varietà)
  • Rovere (diverse varietà)
  • Pioppo
  • Noce

I mobili in legno duro

Il legno duro ha molte proprietà che lo rendono uno dei materiali preferiti dai fabbricanti di mobili e dai falegnami, tra cui: la robustezza, la trama stretta, la solidità, la resistenza e la tenuta agli urti. I legni duri possono essere trattati in modo da ottenere una finitura quasi completamente liscia, cosa che non si può ottenere con il pino o il cedro.

I legni duri sono impiegati per la realizzazione di: porte, mobili della cucina, rifiniture interne, pavimenti, gradini delle scale, alcune parti delle ringhiere, mantelli e contorni dei caminetti e, naturalmente, i mobili.

Il legno duro può essere utilizzato per la struttura di una casa?

Ad eccezione di alcune case storiche, il legno duro non viene mai usato nella struttura di una casa. Il legname da costruzione (colonne, travi per i muri, elementi strutturali e capriate), sono, quasi esclusivamente di legno dolce, come il pino, il larice, l’abete di Douglas, l’abete rosso e l’abete rosso. I legni duri non vengono utilizzati come materiali strutturali per diverse ragioni: sono costosi, pesanti, difficili da lavorare e relativamente fragili.

Lavorare il legno duro

Ogni specie di legno duro ha le sue proprietà e peculiarità, ma in generale i legni duri sono più difficili da tagliare, perforare, sabbiare e incollare rispetto alla maggior parte dei legni dolci standard. In compenso, tutta questa durezza può portare a tagli più puliti, bordi e angoli più affilati, fori pilota più puliti e, nel complesso, una migliore precisione nel prodotto finito.

Per maggiori informazioni, o per richiedere un preventivo senza impegno, è possibile contattare Chinucci Legnami attraverso il modulo dedicato.